psicologia
psicoterapia
// Homepage : psicoterapia cognitivo-comportamentale : Terapia cognitivo-compertamentale - Considerazioni

                               

Psicologi Psicoterapeuti Sessuologi
c/o Centro ARCA Bologna 

Consulenze e Terapie  ENTRA 

 

 

 

 

 

TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE

LE NUOVE FRONTIERE E LE CONSIDERAZIONI FINALI

 

Dr. Antonio Grande e Dr.ssa Gabriella Ranalli - Psicologi Psicoterapeuti Bologna

  

Il successo di una terapia è legato soprattutto al tipo  di trattamento praticato?
E' più importante l'esperienza del terapeuta o il tipo di trattamento praticato?
L'evoluzione della ricerca in psicoterapia sta comportando un utile avvicinamento tra  vari indirizzi di ricerca presenti nei principali modelli terapeutici?
Esiste un tipo di psicoterapia che si possa ritenere in assoluto migliore delle altre?

 

Uno degli aspetti più interessanti dell'attuale ricerca in ambito psicoterapeutico è quello dell'identificazione dei fattori terapeutici,  identificazione che in prospettiva dovrebbe poi poter rendere conto anche del fatto, ormai più che evidente, che terapeuti esperti, qualunque sia l'orientamento terapeutico cui appartengono, riescono ad essere d'aiuto ai propri  pazienti e a  ridurre le loro sofferenze. D'altro canto, siccome è difficile pensare che esistano tante strutture della  mente  quante sono le teorie della mente che stanno dietro alle diverse forme  di trattamento psicoterapeutico, e considerando inoltre che  quelle più serie e sperimentate hanno delle buone ragioni per sostenere quello che sostengono, non ci rimane da  pensare che in qualche modo ognuna di loro metta a fuoco degli aspetti  di una realtà più complessa, avvicinandosi alla quale un giorno forse si potrà arrivare ad una teoria integrata della psicoterapia.

Sembrano inserirsi su questa linea di sviluppo, le prospettive attualmente più interessanti della psicoterapia cognitivo-comportamentale, che si basano fondamentalmente sulla ricerca in tre aree fondamentali, aree che l'avvicinano, rendendo possibili raffronti sempre più utili e numerosi in ambito teorico-clinico, alla ricerca psicoanalitica e a quella sistemico relazionale, emanazioni di orientamenti teorico-terapeutici che, insieme a quello cognitivo comportamentale, sono attualmente tra i più importanti nel panorama mondiale della psicoterapia. Queste aree sono quelle della ricerca sul Sé, costituita fondamentalmente dal  tentativo di applicazione degli sviluppi della cibernetica  al sistema umano della conoscenza di sé, quella sullo sviluppo cognitivo ed emotivo dell'individuo dall'inizio della  vita in poi, nel tentativo di individuare  via via i fattori responsabili della strutturazione  patologica nei modi di pensare, agire e sentire, e  infine quella dello studio e delle  possibili applicazioni cliniche dei rapporti fra attività mentali consce ed inconsce, sulla base delle attuali ricerche neuropsicologiche (Liotti, 1994).
Come si vede, si è lontani  ormai anni luce dal rifiuto dell'introspezione e del mondo psichico, si comincia a parlare addirittura di inconscio e a  rivalutare  sempre di più l'importanza della propria storia personale, a differenza  della passata restrizione del  campo di interessi. Questo è un esempio  di come  i vari orientamenti terapeutici, seguendo ognuno il proprio percorso, sembrino  procedere nella direzione di una futura possibile integrazione, e di come anche il linguaggio utilizzato li renda meno lontani.

Il  clima che si respira in generale nel mondo della psicoterapia, frutto di maggiori conoscenze e consapevolezze, fa sì che a differenza di un passato in cui era facile chiudersi ed irrigidirsi nel proprio orientamento, difendendolo magari  ad oltranza nei confronti degli altri, questa contrapposizione da parte almeno dei terapeuti più seri e preparati sia ritenuta superata e prevalga un atteggiamento di rispettosa curiosità e di collaborazione reciproca, quando naturalmente questa risulta  possibile ed opportuna. Vero è che esistono ancora psicoterapeuti che  attraverso i loro scritti o le loro apparizioni nei media,  definiscono  il loro orientamento e le loro pratiche terapeutiche come  le migliori se non le uniche consigliabili o come le più moderne, scientifiche ed efficaci;  nelle forme più deteriori  tristemente  visibili soprattutto  sul web, promettono miglioramenti e guarigioni in poche sedute o  come, attraverso l'applicazione della loro metodologia terapeutica, si ottengano  radicali cambiamenti psichici e comportamentali fino alla completa eliminazione dei sintomi; e questo riferendosi  praticamente alla totalità dei disturbi per cui i pazienti si rivolgono agli psicoterapeuti.
Sono da considerarsi casi imbarazzanti.
L'evoluzione delle conoscenze  in psicoterapia ha fatto sì che sempre meno si  cerchi   di adattare il paziente alle proprie  teorie e modalità terapeutiche  e sempre di più ci si sforzi di adattare l'intervento alle caratteristiche del paziente, affinché questo risulti il più efficace possibile. Questo può significare anche l'aprirsi flessibilmente, quando ritenuto  opportuno, alla possibilità di integrare  le proprie modalità e tecniche terapeutiche con quelle provenienti da altri orientamenti, nell'interesse del paziente o anche essere disponibili alla collaborazione con altri colleghi. Su questo filone si collocano   probabilmente le nuove sfide e le evoluzioni  operativamente più stimolanti della psicoterapia cognitivo-comportamentale, che potranno far sì che  essa venga rivalutata anche da coloro che finora ne hanno visto più i limiti che i pregi; evoluzioni che saranno sicuramente favorite dal fatto  che, sulla base delle evidenze terapeutiche e scientifiche, posizioni  conservatrici  e auto referenzianti all'interno della psicoterapia cognitivo-comportamentale, vengano progressivamente sostituite da posizioni più sensibili e aperte.
In questo senso, di progressivo rispetto, confronto e collaborazione, vanno visti  alcuni sviluppi attuali  della psicoterapia cognitivo comportamentale, in cui, allo scopo evidente di  renderla più incisiva, efficace e duratura nei risultati e  nel tentativo di superare alcune delle critiche che giustamente le  sono state mosse, si mira ad integrarla ad es. oltre che con il training autogeno, con l'ipnosi, l'emdr, o con  procedure di analisi dei significati psichici interni  e della storia personale, che pur  rimanendo  in qualche modo all'interno della specificità della terapia cognitivo comportamentale, l'avvicinano per certi aspetti alla psicoterapia psicoanalitica.   Prendendo le mosse ad es. dal Disturbo di panico, un disturbo che può essere visto e trattato da svariate angolazioni, è da ritenersi più che sensato che ad un primo approccio che miri  a controllare e modificare i sintomi, facciano seguito una esplorazione e comprensione  del mondo interno e relazionale del paziente, e , attraverso lo sviluppo di nuove consapevolezze e delle capacità riflessive e introspettive,  impedire che dalla stessa sorgente patogena che ha dato origine ai sintomi del disturbo, continuino ad essere prodotti o  derivino altri importanti effetti deleteri per la vita del paziente, oltre che l'eventuale  riproporsi dei sintomi stessi. Aggiungiamo infine, che è in questo fare  psicoterapeutico improntato al rispetto, al  confronto e aperto all'integrazione,   che si riconoscono gli autori di questo articolo e di questo ringraziano i maestri, i colleghi e, non ultimi, i pazienti.
 

Dr. Antonio Grande: Opera a Bologna dal 1980. Laureato in Psicologia (Univ. Padova) ed in Pedagogia (Univ. Bologna), ha seguito una prima formazione post-universitaria in Riabilitazione e Psicoterapia del Linguaggio e poi, sviluppando e approfondendo i propri interessi, Specializzazioni e Formazioni, al minimo quadriennali, in Psicoterapie Dinamiche Brevi, in Psicoterapia Ipnotica, in Psicoterapia Psicoanalitica e in Consulenza Sessuale e Sessuologia Clinica. Già direttore del Centro di Psicologia Applicata, è attualmente direttore del Centro Studi di Psicoterapia "Arca" e direttore scientifico della Rivista di Psicologia Psicoterapia e Sessuologia "ARCA ".

 

Dr.ssa Gabriella Ranalli

 

Psicologi Psicoterapeuti c/o Centro Arca Bologna 

 

Psicologi Psicoterapeuti Sessuologi
c/o Centro ARCA Bologna
 

Consulenze e Terapie  ENTRA 

 

      

 

                                                              

In questo articolo abbiamo parlato di: esperienza del terapeuta ed efficacia dei trattamenti, teoria integrata della psicoterapia, psicoterapia cognitivo comportamentale,  integrazione in psicoterapia, adattare l'intervento alle caratteristiche del paziente, disturbo di panico

 

 

 

 

 

Psicoterapie breviipnosipsicoterapie di rilassamentopsicoterapia cognitivo-comportamentalePsicoanalisiPsicoterapia di coppiaSessuologia e terapie delle disfunzioni sessualiPsicoterapia delle dipendenzePsicologiaPsicologia e Terapia della BalbuzieTerapie di Gruppo PsicodrammaAdolescenza Psicologia Consulenza Terapia
avvertenza da leggere CONOSCIAMO I DISTURBIAnsiaAttacchi di panicoAgorafobiaFobia socialeFobie specificheOssessioni e compulsioniDepressioneInsonniaIpocondriaDisturbi sessualiDisturbi alimentariDisturbi di personalita'Disturbi da stressBalbuzie e TicOmosessualita'
Gli Specialisti rispondono alle vostre domandeCibo emozioni benessereLaboratori di Arte TerapiaTraining AutogenoLibriConvegni e seminariTerapia di Gruppo Psicodramma